16 Settembre Set 2015 1121 3 years ago

Cascina Triulza 'faro' per il terzo settore italiano anche dopo Expo

Fondazione Cariplo e Comune di Milano sul futuro del padiglione della società civile

QR Code

«Vogliamo che il dopo Expo sia una continuazione dell’Esposizione Universale ma anche un tassello per il rilancio del Paese. In tutti i progetti che stanno diventando realtà non ce n'è uno che non preveda che Cascina Triulza rimanga e continui ad essere un punto di riferimento, non solo per Milano, ma anche a livello nazionale e internazionale». Queste le parole del sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, sul futuro del padiglione della società civile a Expo Milano 2015.

Una rassicurazione istituzionale rafforzata dall'incontro delle Fondazioni bancarie riunite a Cascina Triulza. Il presidente di Fondazione Cariplo, Giuseppe Guzzetti, che ha sostenuto e finanziato il progetto di Cascina Triulza all’Esposizione, è sulla stessa linea del sindaco: «Resterà come punto di riferimento centrale e permanente per quanto di più all’avanguardia accade nel mondo del volontariato e del terzo settore».

L’incontro è avvenuto in occasione della firma della Carta di Milano, sottoscritta da Acri (l’associazione che riunisce le fondazioni di origine bancaria) alla presenza del presidente di Fondazione Triulza Sergio Silvotti e del vicepresidente di Barilla Center for Food & Nutrition, Luca Virginio che ha rilanciato i contenuti del Protocollo di Milano lanciato dalla Fondazione Barilla.