31 Marzo Mar 2016 1146 3 years ago

Il Fast Post di Cascina Triulza e dell’area Expo.

Incontro con il nuovo Amministratore Delegato di Arexpo Giuseppe Bonomi, ospite dell’ultimo consiglio dei fondatori di Fondazione Triulza

QR Code

Del Fast Post di Cascina Triulza e dell’area Expo se ne è parlato ieri nell’ultimo consiglio generale dei fondatori di Fondazione Triulza, a cui ha partecipato Giuseppe Bonomi, nuovo amministratore delegato di Arexpo Spa, la società pubblica creata per governare il processo di trasformazione territoriale del sito Expo.

Bonomi ha spiegato che il compito della società è quello di promuovere l’insediamento di funzioni pregiate per far diventare il sito expo una vera “città”, un’area strategica per il rilancio e riposizionamento dell’area metropolitana e di Italia a livello internazionale: “Tra le funzioni di pregio da insediare in queste aree segnalo la “città del sapere”, con il trasferimento non solo delle aule del polo universitario milanese ma anche lo sviluppo di edilizia residenziale universitaria, entertainment, attività sportive; nonché Technopole, il polo della ricerca medica e biomedica italiana gestito da IIT in collaborazione con università lombarde”.

Giuseppe Bonomi ha inoltre spiegato il nuovo incarico assegnato ad Arexpo dagli azionisti pubblici per il Fast Post: revitalizzare, nei prossimi mesi, una parte del sito per renderlo fruibile ai cittadini con funzioni equiparabili ad un grande parco urbano attrezzato. “Questo è importante per non disperdere patrimonio di credibilità e fiducia verso le istituzioni pubbliche costruito con Expo e, dal punto di vista della proprietà delle aree, valorizzare e non svalutare le aree stesse in questa fase di transizione”, ha aggiunto.

Bonomi ha anche ha fatto un annuncio importante ai fondatori: “Cascina Triulza è stata inserita in un punto specifico dell’atto integrativo dell’accordo di programma per il Fast Post per agevolare il rapporto di collaborazione tra Fondazione Triulza ed Arexpo e promuovere attività in grado di rivitalizzare il complesso di Cascina Triulza, non disperdere il patrimonio della Società Civile consolidato con Expo e continuare a rafforzare il ruolo del Terzo Settore nell’area”.

Le proposte di Fondazione Triulza per il Fast Post e la loro coerenza con i progetti e con la nuova vocazione dell’area Expo sono state illustrate, nell’ambito dell’incontro, dal presidente di Fondazione Triulza Sergio Silvotti e dal direttore Chiara Pennasi. Due i principali ambiti di intervento: lo sviluppo in Cascina Triulza di un parco per l’innovazione sociale, con la creazione di una Human Factory per stimolare la collaborazione tra società civile, università ed enti di ricerca, e l’organizzazione di un ricco un programma culturale di iniziative per aprire Cascina durante i mesi estivi alle famiglie e al grande pubblico.

Chiara Pennasi ha ricordato l’importante appuntamento del prossimo 9 maggio in Cascina Triulza con l’organizzazione di una prima giornata di iniziative per stimolare il rapporto tra organizzazioni della Società Civile e gli enti di Ricerca e dar vita ad un percorso di lavoro per lo sviluppo del parco per l’innovazione sociale (a breve sarà disponibile il programma).

Nell’ambito dell’incontro Damiano Di Simine di Legambiente ha spiegato un progetto per la creazione di un centro di ricerca sull’agro-ecologia che potrebbe costituire una delle attività strategiche del parco per l’innovazione sociale di Cascina Triulza.

Infine Cesara Pasini,dell’organizzazione umanitaria Lions, ha annunciato la creazione in Cascina Triulza di un club “satellite” del Lion Club Milano per promuovere iniziative per perseguire gli obiettivi ONU del millennio.